sei in: Sala Stampa >> 08/09/2010 - Venerdì 10/09 di sera a Villa Contarini di Piazzola sfilata di moda benefica organizzata dall'ULSS 15
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

08/09/2010 - Venerdì 10/09 di sera a Villa Contarini di Piazzola sfilata di moda benefica organizzata dall'ULSS 15

 

Comunicato stampa

Venerdì 10/09 di sera a Villa Contarini di Piazzola sfilata di moda benefica organizzata dall'ULSS 15

Sfilata di moda con fine benefico la sera di venerdì 10 settembre a Villa Contarini di Piazzola sul Brenta (Padova). L'iniziativa vede in passerella in qualità di modelle per lo più donne curate dall'Unità operativa autonoma di Oncologia del presidio ospedaliero di Camposampiero (PD). La sfilata è stata ideata dall'equipe del direttore dell'U. O. di Oncologia dell'ULSS 15 Alta Padovana, dott. Fernando Gaion. La volontà da una parte è quella di offrire l'occasione per raccogliere fondi per la realizzazione di un ospedale in Benin (un progetto aziendale "Africa ed ULSS 15"), e dall'altra per sconfiggere la paura del cancro.
"Molte persone ammalate - scrive in una nota il dott. Gaion - oggi guariscono o possono comunque avere buoni risultati dalle cure, ma continuano a portarsi dentro una sorta di stigma che ne condiziona la vita".
"Anche il mondo dei sani - prosegue il direttore dell'unità operativa autonoma di oncologia dell'ospedale di Camposampiero - tende a guardare le persone ammalate o guarite con occhi particolari, e questo viene colto con angoscia da chi ha avuto esperienza di malattia".
"Per cercare di dare un contributo al contenimento della paura - conclude il dott. Gaion - abbiamo pensato di organizzare una sfilata di moda in cui a far da modelle siano le nostre pazienti, guarite o tuttora in cura!"
Il medico assicura che l'adesione da parte delle pazienti ed ex pazienti è stata entusiastica ed alcune sfileranno per mano con i loro bimbi, "talora nati poco dopo la fine delle terapie: il tutto ci sembra molto bello".
"Vogliamo, con questa iniziativa - conclude il dott. Gaion - dare più sicurezza alle nostre pazienti e metterle in una luce particolare che faccia vedere alle persone sane la loro bellezza, per significare - aggiunge - come anche dopo esperienza così difficili, si possa tornare alla pienezza della vita".