sei in: Sala Stampa >> Comuni solidali: iniziato Convegno nazionale ReCoSol, il tema dell'accoglienza
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

Comuni solidali: iniziato Convegno nazionale ReCoSol, il tema dell'accoglienza



Comuni solidali:
iniziato Convegno nazionale ReCoSol, il tema dell'accoglienza


DSC07436_Sola_Marcon_Toscani_CiambettiNella sala delle Conchiglie di Villa Contarini a Piazzola sul Brenta (Pd) si è aperto oggi, il Convegno nazionale della "ReCoSol" Rete dei Comuni solidali, l'organizzazione che riunisce 272 tra Comuni, Comunità Montane e Province d'Italia impegnati a dare vita a progetti per la pace e la solidarietà internazionale sulla scorta di quanto disposto dalla "Carta di Copenaghen". I lavori proseguiranno domani sabato 18 per l'intera giornata. Hanno portato i saluti del Regione Veneto il vicepresidente del Consiglio regionale Matteo Toscani e l'assessore Roberto Ciambetti. Da parte sua Toscani ha sottolineato l'importanza dell'azione della rete dei comuni solidali ricordando la propia esperienza personale. "Come primo cittadino del comune di Valle di Cadore - ha precisato - fui tra i primi sindaci ad aderire alla rete. Nonostante le piccole dimensioni di questo comune (in tutto 2000 abitanti) riuscimmo a mettere insieme un significativo contributo di 250.000 euro per realizzare ospedali in Kenia ed in Etiopia.
"Sul tema della solidarietà internazionale - ha spiegato Toscani- la mia posizione è stata chiara sin dall'inizio: è giusto aiutare i popoli meno fortunati, ma con iniziative che rendano la loro esistenza meno problematica nel paese dove sono nati e vissuti. Non condivido quindi gli approcci "buonisti" ed ideoloDSC07441_pubblicogici al tema dell'immigrazione, un fenomeno che non può essere fermato ma che va sicuramente governato, nell'interesse non solo delle nostre comunità, ma anche degli stessi migranti. Accoglierli e "ghettizzarli" non è certo un segno di solidarietà".

Domani sabato 18 giugno i lavori del Convegno riprendono alle ore 9.30 affrontando il tema "Consapevoli che il mondo sta velocemente cambiando l'importanza fare rete tra Comuni e comunità". Intervengono: don Albino Bizzotto Beati Costruttori di pace; Elisabetta Tripodi Sindaco di Rosario (RC), Massimo Bitonci Sindaco di Cittadella e deputato LN, Angela Sorrentino e Damiano Sferlazzo comunità parrocchiale san Gerlando Lampedusa (Ag), Giuseppe Martina Sindaco di Leverano (Le), Vincenzo Floris assessore di Nuoro, Maria Teresa Spagnoli Consorzio imprenditori de L'Aquila . Alle ore 11 si discuterà di "L'acqua delle Alpi per la sete del deserto. Un turismo dolce per la salvaguardia del paesaggio". Interventi di Lino Ravazzolo presidente ATO Brenta "L'acqua dell'ATO per progetti di solidarietà, Speranza Girod Sindaco di Fontainmore (Val d'Aosta) "Turismo dolce in un piccolo Comune d montagna"; Anna Maria Bigon come di Povegliano Veronese "Un gemellaggio solidale: Povegliano-Concpetion"; Ezio Orzes assessore Ponte nelle Alpi(Bl) "Rifiuti e responsabilità"; Antonio Chiadò Sindaco di Massello (To) "I Comuni alpini per lo sviluppo sostenibile: l'esperienza di Alleanza nelle Alpi". Ore 15 si discute di "Amministratori in rete per la legalità: Avviso Pubblico (Associazione di enti locali e regionali per la formazione civile contro le mafie)".
Ne parlano: Renato Mario Marcon Sindaco di Piazzola sul Brenta "L'esperienza di "Avviso Pubblico"; Claudio Piron assessore di Padova "Scuole e altri soggetti per promuovere la legalità"; Alessandro Quaresimin Sindaco di Salzano (Ve) "Pass 2020: un piano di assetto dello sviluppo sociale disegnato dal basso in una comunità locale". Ore 16 tema: Progetti di cooperazione. Testimonianze di: Annunziata Savio Un progetto per la scuola di Cuzco-Perù; Manuele Bozzetto sindaco di Nove (Vi) "Un progetto di ospedale a Cacoalrondonia-Brasile"; Mara Scagni consigliere comunale di Alessandria "L'ulivo e il libro. Un progetto in Palestina"; Gianfranco Conati primario geriatria S. Martino di Belluno "Progetto casa alloggio per bambini a Cochabamba-Bolivia". Ore 17 Tema: "Associazionismo straniero leader di comunità. Il lavoro delle badanti ucraine e moldave". Interventi di Rosella Celmi di International Organization for Migration; Olena Ponomareva docente di ucrainistica Università La Sapienza di Roma; Natalia Telestakova e Rita Yatshyna direttrici di scuole ucraine. Il convegno si concluderà alle ore 21 nella piazza di Villa Contarini con lo spettacolo "Notre Dame de Paris" opera popolare di Riccardo Cocciante.

(fonte: ARV, agenzia di stampa del Consiglio regionale del Veneto)