sei in: Sala Stampa >> 12/08/2013 - Villa Contarini aperta a Ferragosto: all'ombra, nel parco, possibile il picnic
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

12/08/2013 - Villa Contarini aperta a Ferragosto: all'ombra, nel parco, possibile il picnic

 

 

 




COMUNICATO STAMPA
 

Villa Contarini aperta a Ferragosto: all'ombra, nel parco, possibile il picnic

 

Un Ferragosto all'ombra degli alberi secolari di Villa Contarini. La reggia di Piazzola sul Brenta sarà aperta regolarmente al pubblico giovedì 15 agosto prossimo dalle 9 alle 19. In funzione il servizio di guida per le visite all'interno della villa (partenza ultima visita ore 18.00). Aperto il parco dove sarà possibile passare una giornata all'aria aperta, stendere una coperta sul prato e consumare un picnic all'ombra degli alberi secolari. Il parco di Villa Contarini è il più vasto, in Italia, certificato come “biologico”.

Un modo alternativo per passare una giornata di festa con la famiglia e in mezzo alla natura, ma lontano dal traffico e dalla ressa ferragostana.

Per ulteriori informazioni sull'ingresso: www.villacontarini.eu o telefono 049 5590347.

 

=====================

=====================

Parco di Villa Contarini - scheda con nota storica

 

Dello straordinario giardino ricco di grotte, fontane, labirinti e boschetti di agrumi, descritto sul volgere del ‘600 dagli ospiti del procuratore Marco Contarini, nulla ci è pervenuto e poche tracce si riscontrano nella passata iconografia sulla Villa.

Sicuramente tali cronache avevano dei fondamenti di verità relativamente alla magnificenza dei giardini, considerato che il Contarini amava ostentare con la ricchezza profusa nella Villa, ove tutto rispondeva all’imperativo di fungere da gigantesca scenografia: basti pensare alla presenza delle grandi peschiere, arrivate fino ai giorni nostri, destinate anche ad ospitare spettacoli nautici e fantastiche naumachie.

Da alcune mappe dell’Archivio Contarini – Camerini apprendiamo che, nella seconda metà del ‘600,l’area immediatamente a nord della Villa era costituita da un giradino ripartito in aiuole geometriche, mentre di fonte alla Villa si trovava un ampio piazzale. Solo nella seconda metà del Settecento il piazzale appare trasformato in un parterre formale articolato su aiuole disposte a raggiera.

Per tutto il Sette – Ottocento i terreni posti a nord della Villa, corrispondente all’attuale parco, e quelli situata oltre il viale delle contesse, continueranno ad essere considerati aree da destinare alla produzione agricola. Nel 1852 le antiche proprietà dei Contarini vengono acquistate da Silvestro Camerini. I suoi discendenti, Luigi e Paolo, dedicheranno ingenti risorse alla rinascita della “reggia” di Piazzola. A partire dal 1890 il giovane Paolo Camerini punta alla realizzazione di un vastissimo parco, articolato su una superficie di oltre centoventi ettari, comprendente tutti i terreni posti a nord della Villa: concepito come luogo di svago, il parco comprendeva un ippodromo, il “toboga”, una pista di pattinaggio, un campo “per il giuoco della palla alla rete”, un campo di tiro al piccione. Un lago artificiale, appositamente creato al fine di drenare i terreni circostanti e tuttora esistente, faceva da cornice agli svaghi del giovane Conte, mentre i terreni circostanti si presentavano – e si presentano tutt’ora – nella suggestiva veste di parco paesaggistico.

 

Il secondo dopoguerra vede parzialmente disperso il patrimonio della famiglia Camerini, e con esso oltre metà del parco, quella comprendente l’ippodromo. Dopo vari passaggi di proprietà, la Villa e il parco sono acquistati nel 1969 da Giordano Emilio Ghirardi, al quale nel 1986 sarà intitolata l’omonima Fondazione. Il Ghirardi, profondendo energie e risorse per la salvaguardia di questa irripetibile testimonianza storica e architettonica, riesce a far aprire al pubblico la Villa già nel 1970, e con essa il parco.

La “reggia” di Piazzola, completamente restaurata, divenne centro di cultura e di scienza, sede prestigiosa in cui organizzare simposi, congressi nelle più diverse discipline scientifiche unitamente a mostre d’arte, di artigianato, concerti ed altre manifestazioni.

L’intero complesso è stato acquisito nel 2005 dalla Regione del Veneto, attualmente impegnata in un’importante attività di valorizzazione di questo rilevante patrimonio culturale. Accanto alle consuete attività volte a far conoscere l’intero complesso architettonico e paesaggistico, con il ricco apparato decorativo che li caratterizza, attraverso visite guidate e attività educative, l’impegno alla valorizzazione della villa si concretizza anche nel vedere in essa non solo un museo di se stessa ma un suggestivo luogo della contemporaneità in cui allestire esposizioni d’arte di interesse regionale e nazionale.

Al giorno d’oggi il parco con il lago, le peschiere e i canali, costituisce una rara oasi di tranquillità e di protezione avifaunistica. Importanti interventi sulle sponde dei corsi d’acqua stanno ridonando l’antico splendore all’ideale complemento di quella che senza dubbio è una delle più prestigiose sedi in terraferma della Regione del Veneto. Il recente ottenimento della certificazione di “parco biologico” secondo il sistema Bio Habitat, oltre ad aggiungere ulteriore prestigio a questa grande area verde nel cuore del Veneto e a testimoniare la qualità dell’offerta nei confronti delle migliaia di visitatori che ogni anno vi si soffermano, ne fa il più grande parco in Italia certificato come “biologico”.

 

 

GRAZIE PER L’ATTENZIONE

per l'ufficio stampa di Villa Contarini
Francesco Brasco

======================
VILLA CONTARINI - FONDAZIONE E. GHIRARDI
Immobiliare Marco Polo Srl
Piazza Camerini, 1
36016 Piazzola Sul Brenta (PD)
telefono: 049 877 8273     
http://www.villacontarini.eu