sei in: Sala Stampa >> 05/11/2014 - L'assessore regionale Elena Donazzan premia a villa Contarini le scuole venete vincitrici del concorso "1914: verso l'entrata in guerra dell'Italia"
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

05/11/2014 - L'assessore regionale Elena Donazzan premia a villa Contarini le scuole venete vincitrici del concorso "1914: verso l'entrata in guerra dell'Italia"

 

 

 




COMUNICATO STAMPA
 

L'assessore regionale Elena Donazzan premia a villa Contarini le scuole venete vincitrici del concorso "1914: verso l'entrata in guerra dell'Italia".

 

Si è svolta questa mattina, nella cornice di Villa Contarini a Piazzola sul Brenta (Pd), la premiazione del concorso per le scuole del Veneto "1914: verso l'entrata in Guerra dell'Italia".

Ad assegnare i premi in denaro alle 12 scuole primarie e secondarie di I e II grado, statali e paritarie, che si sono distinte per aver realizzato elaborati originali sul tema dell’entrata in guerra dell’Italia, e' stata l'Assessore regionale all'Istruzione, alla Formazione e al Lavoro, Elena Donazzan.


Per le diverse sezioni sono risultati vincitori i seguenti Istituti: 
per le scuole primarie, ha vinto il 1º premio l'I.C. "A. Barbarani" di Minerbe (Vr) con l’elaborato "100 anni 1914 -2014 – dal 1914 verso l’entrata in Guerra dell’Italia al 2014: verso la celebrazione del Centenario dello scoppio della Grande Guerra"; per le scuole secondarie di I grado, l'I.C. "G. Ponti" di Trebaseleghe (Pd) con l’elaborato “Il sole tramonta a Sarajevo”; per le scuole secondarie di II grado, l'I.I.S. - Liceo artistico "M. Polo" di Venezia con l’elaborato "Il Piave mormorò".

 

Gli elaborati sono stati valutati da una commissione di esperti, con l’assegnazione di 15 premi in denaro alle 12 scuole vincitrici per una somma complessiva di 15 mila euro. Agli Istituti classificati al primo posto è stata assegnata la somma di 2 mila euro; ai secondi di 1.500 euro; ai terzi di 1.000 euro e ai classificati al 4°, 5°, 6° e 7 ° posto di 500 euro.

 

Approfondire e analizzare il contesto culturale, artistico, intellettuale e politico, le cause che hanno portato all'entrata dell'Italia nella Prima Guerra Mondiale e, al contempo, rafforzare il ricordo di quel periodo storico, onorare i caduti di quella tragedia collettiva e riscoprire valori immutabili, sono stati gli obiettivi dell'iniziativa promossa dall'Assessorato all'Istruzione, alla Formazione e al Lavoro della Regione del Veneto che rientra nel contesto delle celebrazioni per il Centenario della Grande Guerra.

 

"Una sala gremita di studenti e insegnati, tanti elaborati di assoluto pregio, dai primi che hanno vinto ad alcuni studi di approfondimento che hanno colto in pieno il senso degli obiettivi che eravamo prefissati con il concorso", ha affermato l'Assessore Donazzan al termine della premiazione.

"I ragazzi devono sapere che quella relativa alla Grande Guerra è una storia vicina. È vicina fisicamente, e vicina perché, se solo ascoltassimo la tradizione orale, sarebbe trasferita di padre in figlio fino ad arrivare ai nostri nonni che hanno raccontato cos'è stata la guerra in Veneto, una guerra che ha fatto l'Italia".

"Il concorso ha rappresentato l'occasione per gli studenti veneti di riappropriarsi di questo pezzo di storia, di questo nostro territorio, di conoscerlo di più e di amarlo", ha concluso Donazzan.

 

Fonte: AVN