sei in: Sala Stampa >> 29/01/2015 - Expo 2015. Assessore Cultura: Villa Contarini vetrina della civiltà delle ville venete, unica al mondo
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

29/01/2015 - Expo 2015. Assessore Cultura: Villa Contarini vetrina della civiltà delle ville venete, unica al mondo

 

 

 




EXPO 2015. ZORZATO: VILLA CONTARINI VETRINA DELLA CIVILTA’ DELLE VILLE VENETE, UNICA AL MONDO

(AVN) – Piazzola sul Brenta (Padova), 29 gennaio 2015

 

In vista di EXPO 2015 la Regione del Veneto ha individuato Villa Contarini di Piazzola sul Brenta (Padova) come punto di riferimento culturale strategico. Opere infrastrutturali, progetti e azioni da realizzare in questo complesso monumentale di proprietà regionale, sono stati presentati oggi dal vicepresidente e assessore alla cultura Marino Zorzato, al termine di una serie di incontri con i rappresentanti delle diverse strutture impegnate in questa operazione.

 

“Il modello economico, oltre che architettonico, costruito con le ville venete – ha detto Zorzato – è unico nel suo genere. Vogliamo cogliere l’occasione dell’EXPO 2015 per farlo conoscere al mondo e Villa Contarini diventerà la vetrina della civiltà delle ville venete che proporremo a tutte le delegazioni che da Milano verranno qui da noi per parlare anche di economia”.

 

Zorzato ha sottolineato il gioco di squadra messo in campo per ottenere il massimo dei risultati. “Per Villa Contarini sono stati investiti finora 8 milioni di euro – ha detto il vicepresidente – e sarà la sede di una cabina di regia con cui intendiamo far vedere chi siamo, grazie all’EXPO. L’obiettivo è anche quello di contribuire a far crescere il segmento del turismo culturale, quello delle città d’arte che sta facendo registrare risultati positivi e offre importanti prospettive di crescita per il PIL del Veneto”. Per quanto riguarda le iniziative. Zorzato ha sottolineato che il tema del cibo scelto per l’EXPO sarà declinato nelle iniziative del Veneto in arte, cibo e spettacolo. Villa Contarini ospiterà anche una mostra sull’evoluzione della civiltà delle ville venete, concepita in modo innovativo.

 

Del programma di opere, progetti e iniziative hanno parlato i vari referenti. Gian Luigi Carrucciu direttore del Dipartimento affari generali, demanio, patrimonio e sedi della Regione ha detto che in vista dell’EXPO sono già stati avviati interventi di riqualificazione di Villa Contarini e altri sono in fase di appalto. Saranno restaurati anche gli affreschi della villa e le scuderie monumentali.

 

Giuliana Fontanella, presidente dell’Istituto Regionale Ville Venete, ha messo l’accento sulla strategia del progetto nel suo complesso, che punta ad rilancio dell’identità del Veneto proprio attraverso la valorizzazione delle sue ville che sono il segno di un processo, legato al mondo agroalimentare, ancora moderno ed attuale. Maria Teresa De Gregorio, direttore del Dipartimento Cultura della Regione, ha evidenziato come le iniziative per l’EXPO consolideranno il ruolo di Villa Contarini come centro di eccellenza della cultura veneta, mentre Fausta Bressani direttore della sezione Beni culturali ha ricordato che da Villa Contarini è stato dato avvio al programma delle celebrazioni per il centenario della Grande Guerra e dal 21 febbraio prossimo la stessa villa ospiterà una mostra dei disegni di Giuseppe Cominetti sul primo conflitto mondiale che farà da ponte all’apertura delle iniziative per l’EXPO.

 

Pierluca Donin, direttore del circuito teatrale Arteven, ha ricordato che nel teatro del ‘700 sono presenti molti abbinamenti con il cibo che verranno riproposti con gli spettacoli dal vivo programmati. Infine il direttore del Centro Internazionale Studi di Architettura “A. Palladio” Guido Beltramini ha parlato della mostra sulle ville venete che racconterà, in versione tecnologica, questo percorso, nato come progetto economico per la produzione di cibo, a partire da Petrarca.

 

Fonte: ufficio stampa Giunta regionale del Veneto